venerdì 3 luglio 2009

Il prodotto di Luglio

la MELANZANA

Famiglia: Solanacee Specie: Solanum melongena L.
La melanzana è una pianta erbacea. Ha fiori grandi (violacei o bianchi), i frutti sono bacche, allungate o rotonde violacee, commestibili previa cottura. Esiste anche la melanzana rossa (solanum aethiopicum), pianta dall'aspetto simile alla melanzana, ma il suo frutto rosso assomiglia così tanto al pomodoro da essere facilmente scambiata per esso.

Mamopizza usa.....
compriamo esclusivamente Melanzane viola di provenienze regionale o nazionale. Dopo averle accuratamente pulite vengono tagliate a fette e arrostite con un pizzico di sale.

Origine....
è originaria dell'India, dove nasceva spontaneamente gia' quattromila anni fa e dove veniva consumata in salamoia arricchita di spezie piccanti. Sconosciuta ai Greci e ai Romani, approdo' in Sicilia intorno al 1300 ad opera degli arabi, i quali gia' la consumavano già da qualche secolo.

Acquisto......
è un ortaggio tipicamente estivo, da Giugno a Ottobre. Il mese migliore è agosto, ma le si trova tutto l'anno.
Quando si acquista bisogna controllare che siano mature, sode e dalla buccia tesa e lucida.

Conservazione e Consumo......
deve essere conservata ad una temperatura di 10-15 °C per un massimo di sette giorni, considerando che al momento dell'acquisto sono state raccolte già da qualche giorno. Per una migliore conservazione evitare di togliere il picciolo. Possono essere congelate a fette dopo essere state sbollentate in acqua.

Uso in cucina......
Va consumata assolutamente cotta, perchè cruda è tossica e sgradevole. Per togliere l'amaro, prima di cucinarle, tagliarle a fette, ricoprirle con sale grosso, e lasciarle spurgare per un paio d'ore. Ha un alto potere di assorbimento di grassi e oli, quindi per le diete vanno esclusivamente bollite o grigliate, senza nessun condimento.

Proprietà e valori nutrizionali.....
ha poche calorie (100 gr di melanzne 18 Kcal), pochi grassi, proteine, glicidi e zuccheri. Contiene vitamine del gruppo B, C, acido folico, potassio, fosforo, sodio e calcio. Contiene sostanze amare simili a quelle contenute nelle foglie dei carciofi (che stimolano la produzione della bile e abbassano il colesterolo), acido caffeico e clorogenico (azione antibatterica). Non contiene glutine (dato dell'Associazione italiana Celiachia)

Curiosità.........
la storia della Melanzana è piena di misteri e diffidenza. Forse a causa della provenienza dal mondo arabo, "nemico" dalla fede cristiana; per il suo gusto amarognolo o il suo colore violaceo; per quel nome che veniva interpretato come cibo immangiabile (mela insana); per il fatto che in alcune epoche, anche non lontane, veniva considerata come alimento che può portare alla pazzia.
Durante la seconda guerra mondiale, le sue foglie, venivano essiccate al sole ed usate presso i contadini e i pastori per la confezione di sigari o sigarette in sostituzione dell'introvabile tabacco.

Il nome......
Gli Arabi chiamano la melanzana badingian. In Italia venne aggiunto il suffisso melo divenendo così melo-badingian, quindi melangian, da cui l'attuale nome. In altre regioni il suffisso fu petro, per cui si ebbe pedro-badingian dal quale si formerà petronciano o petonciano, altro sinonimo con il quale viene indicato quest'ortaggio. Il nome melanzana veniva interpretato anche come "mela non sana" dall'antica credenza che faceva derivare il nome di melanzana dal latino "malum insanum", cioè frutto insalubre.

in francese:aubergine; in inglese:eggplant; in spagnolo:Berenjena; in tedesco:Aubergine.
in Abruzzo: Mulignàn, Mulignèm; in Calabria: Lumingiana, Malangiana, Mulingiana; in Campania: Mulignana; in Lazio: Mulegname; in Liguria: Merezana; nelle Marche: Melancian; in Puglia: Marangiana, Melangiàne; in Sardegna: perdinzanu; in Sicilia: Mirinciana; in Umbria: Marignanu.

mercoledì 1 luglio 2009

Soluzione indovinello prodotto Luglio

LA SOLUZIONE: "LA MELANZANA"

involontariamente ho creato un indovinello quasi impossibile da risolvere. Dico "quasi" perché qualcuno (precisamente in sette), anche se dopo immani fatiche e notti insonni, ha trovato la soluzione giusta. In realtà credo che tra questi sette solo tre siano realmente riusciti nell'impresa, le altre quattro risposte sono sicuramente frutto di una operazione di "spionaggio".

Mi viene rivolta l'accusa d'aver appositamente reso difficile il quesito, ma non possiedo la capacità di misurare la difficoltà degli indovinelli, riesco a malapena a crearli. In tutti i casi non lo avrei mai fatto. Abituato a ricevere centinaia di email di risposta è davvero triste aprire la posta e non trovarne neanche una. Ho provato un forte senso di abbandono, sino a quando ho avuto la prova che in realtà tutti stavano lavorando per scoprire la soluzione, in silenzio, senza chiedere aiuto. Quindi anche se non ricevevo nessuna mail, tutti mi pensavano. Solo ora ho capito perché le mie orecchie in questi giorni non hanno mai smesso di fischiare.........

La chiave di lettura del quesito è rappresentata dai simboli che affiancano i numeri. Questi simboli raffigurano le tre righe della tastiera "qwerty", quella che ognuno di noi ha nel proprio personal computer. Le frecce indicano la riga e la direzione da seguire e i numeri indicano le coordinate per scovare le lettere che compongono l'ingrediente. Per evitare che si arrivasse alla soluzione semplicemente contando il numero delle lettere ho aggiunto anche l'articolo (LA MELANZANA). Mai lo avessi fatto!!!!

STATISTICA RISPOSTE
esatte 7 (LAMELANZANA)
errate 6 (GRANAPADANO, PEPERONCINO, RICCIDIMARE, BESCIAMELLA, AGLIO FRESCO, SANTOREGGIA)
totale 13

VINCITORI SUPER PREMIO:
1° lampada Coca Cola: SILVIO PERSICO
2° maglietta Ichnusa: GIUSEPPE ARDARA
3° borsa mare Coca Cola: STEFANIA SCRUGLI
4° cuscino mare Pago: ANNA MELONI

Le Pizze di Gennaio 2017